Istanbul e i suoi monumenti - Istanbul turismo

Vai ai contenuti

Menu principale:

Istanbul e i suoi monumenti

vedere e visitare

Istanbul è una delle più belle ed affascinanti città d' Europa , una immensa metropoli che unisce in un modo unico modernità e storia. Istanbul è una città con un numero impressionante di monumenti , chiese , moschee e cose da vedere che regala sorprese ad ogni istante incantando da sempre i viaggiatori che la visitano. La storia di Istanbul è ricca e sorprendente è testimonia la sua vita millenaria. Istanbul è che da secoli e secoli una città cosmopolita tollerante e dal fascino indiscusso che certamente conquisterà anche voi.

pubblicità

Santa Sofia
Santa Sofia (Aya Sofya in turco ,  Sancta Sofia in latino ) è il monumento più famoso di Istanbul, una delle costruzioni più belle al mondo, questo bellissimo edificio è stato, per circa un millennio, la chiesa cristiana  più grande del mondo  ed è uno dei monumenti  più belli da visitare a Istanbul. Fatta costruire dall'imperatore Giustiniano per  riaffermare la grandezza dell'Impero Romano  fu terminata  nel 537, la Chiesa Santa Sofia di Costantinopoli, fu  trasformata in Moschea molto più tardi quando  nel 1453 il sultano Maometto  conquistò Istanbul. La sua architettura è quella tipica delle moschee di Istanbul . Nel 1935 Ataturk, padre  della moderna Turchia,   convertì Santa Sofia in museo. Il suo esterno, è senza dubbio bello ed imponente ma è l’interno ad affascinare il mondo per il suo splendore .
Luogo : Basilica di Santa Sofia  (Ayasofya Müzesi)
Sultanahmet - Istanbul
Orari e giorni di apertura da  martedì a domenica  e fino alle 13.00 nel primo giorno delle festività religiose
9.00-17.00 ( la galleria superiore chiude alle 16:30).
(in estate fino alle 19.00 , ultima entrata alle 18.00)
Costo orientativo del  biglietto circa 9,00 €.

 

Ippodromo
L'Ippodromo, adiacente alla Moschea Blu e a Santa Sofia , fu fatto realizzare   dall'Imperatore Costantino ed  era ispirato al Circo Massimo di Roma. E’ stato considerato il fulcro  della vita bizantina per circa un millennio e di quella ottomana per quasi  400 anni;  qui  si tenevano  le corse con le bighe,  molto seguite dalla  popolazione  . Purtroppo i secoli hanno lasciato pesanti tracce e all’interno  dell'ippodromo sono pochi i monumenti che sono arrivati ai giorni nostri :  l'Obelisco di Teodosio, la Colonna Serpentina in bronzo e la Colonna di Costantino.  
Luogo:
a Sultanahmet -  nord-est della Moschea Blu

 
 
istanbul santa sofia
 
 
pubbllicità
istanbul ippodromo
 
 

Basilica Cisterna
Nel cuore di Istanbul , la Cisterna basilica fu realizzata per desiderio dell'imperatore  Giustiniano nel 532 d.c.  per immagazzinare l'acqua che veniva utilizzata a Palazzo e negli edifici della zona; ha una capienza di 80.000 metri cubi d'acqua. Quando Costantinopoli fu conquistata dagli Ottomani la Cisterna venne chiusa e dimenticata per secoli  fino a quando uno studioso, incuriosito dai racconti degli abitanti che si procuravano l'acqua calando  secchi sotto il pavimento delle proprie abitazioni, portò alla luce questa sorprendente cisterna romana. La Cisterna, con il soffitto a volta ,  è adornata da capitelli e 336 colonne, ed è  un luogo particolare e suggestivo.
Luogo:   Basilica Cisterna (Yerebatan Sarnıcı)
Yerebatan Caddesi 13 - Sultanhamet
Aperto: dalle 09.00 alle 17.30 (estate fino alle 19.30)
Chiuso: fino alle 13.00 nel primo giorno delle festività religiose
Costo indicativo dell’ Ingresso: 7,00 €


Mura di Costantinopoli

Le Mura di Costantinopoli chiamate anche Mura Teodosiane  proteggevano Istanbul ovvero Costantinopoli chiudendola . Costruite in pietra dove già si trovavano le mura di Costantino ma molto più grandi e forti, tanto da essere considerate inespugnabili.
Le mura fatte realizzare all’inizio del 400 d.c. da Teodosio  si estendevano per circa 5,5 km da sud a nord, dalla Torre del Marmo, rinominata dagli ottomani Mermer Kule fino a Tekfur Saray dove successivamente saranno costruite le mura delle Blacherne.  Protessero molte volte la città dagli attacchi  dei nemici .Le mura furono continuamente fortificate, fino alla caduta della città per mano degli  ottomani ( 1453).
Le mura di Costantinopoli vennero lungamente mantenute intatte anche  nel periodo ottomano  , fino a quando nel corso dell’ 800   alcune parti  furono  eliminate  per ampliare la città .
Nonostante la successiva mancanza di manutenzione, molte parti delle mura sono sopravvissute e visibili ancora oggi. Un grande programma di restauro,   avviato dal governo turco,  consente il ricupero delle mura al suo originario splendore ed è così che le troverete ad Istanbul

 
 
istanbul cisterna basilica
istanbul le mura
 
 
 
 
 

Torre di Galata
La Torre di Galata (Galata Kulesi in turco) svetta nella parte vecchia di Istanbul si tratta di una torre medievale in pietra che si trova nel quartiere di Galata  a nord del Corno d'Oro. E' anche uno dei monumenti più visitati della città,  ed offre una vista spettacolare su Istanbul
La Torre di Galata , costruita nel 1348 dai genovesi , è imponente con un diametro di più di 16 mt ed  un’  altezza totale di  poco meno di 70 mt   ( il panorama si osserva da un’altezza di mt 50 circa). Con i suoi 9 piani era la costruzione più alta di Istanbul  al tempo della sua costruzione.   In epoca ottomana la Torre di Galata venne  utilizzata come torre di osservazione per l'avvistamento degli incendi , grande problema  di Istanbul all’epoca .
Il momento più bello per salire e godere dello splendido panorama è il tramonto quando la vista offre colori ancor più spettacolari ma è facile che in quel momento ci sia una coda rilevante…….
All’  ottavo piano si trovano un ristorante e un caffè, con una terrazza panoramica  dal quale godere di una bella vista  su Istanbul , Corno d'Oro e Bosforo.
2 ascensori consentono ai visitatori visite agevoli alla torre
luogo: Galata Meydani, Beyoglu
ingresso: circa 10 euro
orari: dalle 9 alle 20:00
chiuso: mai, dopo le  20.00 diventa nightclub


Ponte di Galata

Il Ponte di Galata collega il centro storico di Istanbul alla parte nuova della città . Durante il giorno è frequentato da un numero davvero impressionante  di pedoni ed auto che vanno da una parte all'altra di Istanbul passando  da Beyoglu ad Eminomu o viceversa ,  al tramonto però dal ponte si ha  una magica vista della città vecchia con le cupole  i colli . La zona del porto di Eminomu, accanto al Ponte di Galata, è famosa anche per i banchetti che vendono panini di pesce fresco, specialità di Istanbul


 
 
istanbul torre di galata
istanbul ponte di galata
 
 

Torre di Leandro  

Conosciuta come Torre di Leandro è chiamata in turco  Kız Kulesi , cioè Torre della ragazza ed è uno dei simboli  di Istanbul.  Edificata in legno  all’inizio del XII secolo  su di  un piccolo isololotto all'ingresso del porto, proprio per poter chiudere l’ingresso del Bosforo . Fu oggetto di numerosi rifacimenti e la costruzione attuale, in pietra,  risale alla seconda metà del XVIII secolo.  La torre di Leandro si trova a  solo 200 metri dalla costa, in corrispondenza della punta di Üsküdar  sulla riva asiatica di Istanbul . Si raggiunge con un traghettino che impiega circa 2/3 minuti. Alla torre trovate ora anche un bar ed un ristorante
Luogo:  Kız Kulesi  Salacak Mh.   34672 Üsküdar Istanbul

Rumeli Hisarı
La fortezza militare di Rumeli Hisarı si trova sulla sponda europea di Istanbul affacciata proprio sulla riva del Bosforo,   il castello- fortezza di Rumeli Hisarı fu edificato ,  per volere di  Mehmet II ,a metà del XV secolo in un tempo record di circa  tre mesi . Superbo ed imponente con torri e  bastioni merlati  affacciati sul mare era dotato di  potenti cannoni  e controllava  la navigazione sul Bosforo.  Dopo la conquista  di Costantinopoli, la fortezza fu utilizzata anche  come prigione. A giorni nostri vi si tiene   il Festival internazionale di Istanbul.
Rumeli Hisarı
aperto: dalle 09.00 alle 16.00
chiuso: mercoledì, e fino alle 13.00 nel primo giorno delle festività religiose

 
 
istanbul rumeli hisari
 
 
istanbul torre di leandro
pubblicità
 
 

San Salvatore in Chora

San Salvatore in Chora (turco: Kariye Müzesi) di Istanbul è  uno dei più  rilevanti esempi di architettura sacra  bizantina . Nata come chiesa ortodossa,   fu trasformata in moschea dai Turchi Ottomani nel ‘600 , e quindi riconvertita in  museo statale nel 1948. L'edificio ha sei cupole,  la più grande delle quali ha un  diametro di  7,7 metri  
L'interno è decorato con mosaici spettacolari considerati fra le massime espressioni dell'arte bizantina.  Questa  chiesa ha dimensioni ridotte  rispetto agli altri luoghi di culto di Istanbul , infatti la sua superficie è di poco meno di  750 mq ,  ma gli interni sono magnifici.  L'edificio è composto da tre zone principali: l'ingresso  Il corpo principale della chiesa   e la cappella   L’ingresso e composto da una parte interna ed una esterna  
Chiesa di San salvatore in Chora (Kariye Müzesi)
Kariye Cami Sokak 26, Edirnekapı  İstanbul
Aperto: dalle 09.00 alle 16.30

 
 
istanbul san salvatore in chora
istanbul mosaico san salvatore
 
 
 
 
 
 
 
Torna ai contenuti | Torna al menu